Il maggior reddito accertato non si trasferisce ai collaboratori dell’imprenditore

Lo studio legale tributario Ferragina opera, da oltre vent'anni, nel campo del diritto tributario.

Su NT+ Fisco de Il Sole24ore commento, con i colleghi Luca Procopio e Roberto Bianchi, le ordinanze nn. 8582/2023 e 34222/2019 della Sezione tributaria della Suprema Corte in merito alla non attribuibilità ai collaboratori dell’impresa familiare del maggior reddito accertato in capo all’imprenditore. L’imputazione proporzionale, nel limite massimo del 49%, del reddito dell’impresa familiare è infatti limitata al reddito d’impresa dichiarato dall’imprenditore. Fermo restando che in capo ai familiari collaboratori la rispettiva quota del reddito dichiarato va qualificata come reddito di lavoro.

Link: https://ntplusfisco.ilsole24ore.com/art/AFUnKyD

Hai bisogno di una consulenza legale sul tema di questo articolo? Prenota adesso!

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.