Processo tributario: nuovi documenti in appello

Lo studio legale tributario Ferragina opera, da oltre vent'anni, nel campo del diritto tributario.

Pubblichiamo l’ordinanza della Suprema Corte n. 25499 del 26 ottobre 2017.

Secondo la Corte: “In materia di produzione documentale in grado di appello nel processo tributario, alla luce del principio di specialità espresso dal D.Lgs. 31 dicembre 1992, n. 546, art. 58, comma 2 – in forza del quale, nel rapporto fra norma processuale civile ordinaria e norma processuale tributaria, prevale quest’ultima – non trova applicazione la preclusione di cui all’art. 345 c.p.c., comma 3 (nel testo introdotto dalla L. 18 giugno 2009, n. 69), essendo la materia regolata dall’art. 58, comma 2, del citato D.Lgs., che consente alle parti di produrre liberamente i documenti anche in sede di gravame, sebbene preesistenti al giudizio svoltosi in primo grado.” (Cass. n. 18907/11, 3661/15, ord. 22776/15, 655/14, 20109/12, Corte Cost. 199/17)

Si veda anche un prcedente post su questo tema:Processo tributario: sempre ammessa la produzione di nuovi documenti in appello“.

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.